Petit Vedot

TESTING NOTE
Il Petit Verdot è un vitigno a bacca nera viene oggi vinificato anche in purezza in molte regioni dell’Europa meridionale, nelle Americhe e in Australia. Gli alti livelli di antociani danno ai vini Petit Verdot un aspetto denso e un colore nero violaceo, simile all’inchiostro. I Petit Verdot sono vini di corpo, con una discreta longevità  e buona predisposizione all’affinamento in legno. I Petit Verdot presentano in generale buona consistenza. I vini si presentano di colore rosso rubino, con riflessi violacei per i prodotti più giovani, fino a sfumature granate per quelli con più lungo affinamento. Al naso i Petit Verdot sono fruttati e floreali, con note di prugna, mora e ciliegia, a volte in confettura per i prodotti più strutturati e più maturi. La presenza di aromi terziari, come sentori tostati, vanigliati o speziati di cacao, chiodi di garofano e cuoio giovane dipende essenzialmente dal percorso in cantina. Al palato i Petit Verdot più giovani sono freschi e asprigni, con tannini giovani e a volte invadenti. I prodotti di più raffinata fattura hanno sensazioni sicuramente più morbide ed eleganti, con le spigolosità varietali arrotondate dal tempo e dal legno. La persistenza, che si esprime in genere in note fruttate di mora e amarena, varia in questi casi da lieve a molto lunga, con ricordi di tannini più o meno marcati. Utilizzare un calice di dimensioni medio-grandi, baloon o a luce ampia per permettere la diffusione dei profumi. Temperatura di degustazione, 18-20°C a seconda della tipologia degustata”

Visualizzazione di 5 risultati

X